Salute della boccaAlitosi, quali sono le cause e i rimedi?

Alitosi, quali sono le cause e i rimedi?

Un italiano su quattro soffre abitualmente di alitosi. Ma da cosa deriva esattamente?

Quali sono le cause e i fattori scatenanti dell’alitosi?

Sono diverse le cause dell’alito cattivo: la banale ingestione di particolari alimenti , come l’aglio che contiene allicina, molecola che si trasforma rapidamente in composti solfurei in grado di produrre l’alitosi, oppure vere e proprie patologie come ad esempio infezioni del tratto respiratorio o diabete.

Le cause dell’alitosi possono essere suddivise in:

  • Intraorali: Nel 90% dei casi l’alitosi è determinata da problematiche del cavo orale, generata dai batteri in esso presenti, denti cariati o da una parodontite cronica. 
  • Extraorali: Infezioni nasali e faringee, condizioni respiratorie o gastro-intestinali o condizioni metaboliche, tumori;
  • Transitorie: l’alitosi può essere determinata da particolari cibi e abitudini alimentari o da alcol e tabacco.

Cosa fare contro l’alitosi?

L’alitosi può essere:

  • persistente;
  • temporanea.

Il primo passo è andare dal dentista per una seduta di igiene orale. Nel caso in cui non fosse sufficiente, occorre consultare il medico per scoprire la causa dell’alitosi.

Alcune patologie correlate:

  • diabete;
  • epatiti;
  • patologie renali;
  • patologie gastrointestinali.

Le quali possono rendere il respiro pesante e piuttosto maleodorante. Contestualmente la cattiva igiene orale prolungata, può sfociare in:

  • infiammazioni delle gengive,
  • parodontiti
  • nei casi più gravi nella perdita di osso intorno ai denti.

In questi casi l’odontoiatra di fiducia sarà infatti in grado di valutare la causa dominante dell’alitosi, suggerendo procedure terapeutiche e cure adeguate a rimuovere il problema.

Altre correlazioni:

Tuttavia, l’alitosi può anche derivare dalla cosiddetta sindrome della bocca secca, o xerostomia. Tipicamente provocata dagli effetti collaterali da farmaci, può derivare anche da eventi occasionali come febbre e diarrea, che comportano una riduzione del flusso salivare.

Quali sono i cibi amici e nemici dell’alitosi?

Alcuni cibi, tra cui:

  • aglio;
  • cipolla;
  • caffè;
  • vino;
  • dolciumi;
  • bevande gassate;
  • carne rossa;
  • insaccati;
  • latticini;

e alcune abitudini sbagliate come:

  • l’assunzione di tabacco;
  • l’abuso di alcool;
  • l’esercizio fisico prolungato;

contribuiscono ad aggravare la situazione amplificando la sensazione di secchezza delle fauci.

Mentre, i cibi che invece vengono in aiuto a chi soffre di alitosi, sono quelli con una percentuale elevata di acqua, in quanto stimolano la produzione della saliva e svolgono un potente effetto rinfrescante. Tra questi troviamo:

  • sedano;
  • zucchine;
  • uva;
  • carote;
  • cetrioli;
  • limone;
  • rosmarino;
  • salvia;
  • menta;
  • timo;
  • basilico;
  • prezzemolo.

Se soffri di alitosi non esitare a chiedere aiuto al tuo dentista e al tuo medico di fiducia per indagare a fondo l’origine di questa patologia.

Redazione di Sorridiamo
Redazione di Sorridiamo
Sorridiamo è un portale divulgativo di informazione al paziente sulle novità in campo odontoiatrico, sulla prevenzione e la salute orale, il benessere e il sorriso.

Leggi anche

Studio dentistico: sicurezza e sterilizzazione

Per preservare la nostra salute, una delle priorità dello studio dentistico è la messa a punto di precisi protocolli per il controllo dell’igiene e...

Pedodonzia: aiuta il tuo bambino a sconfiggere la paura

Il timore di molti bambini nei confronti della prima visita odontoiatrica non è innato, spesso infatti è influenzato dalle percezioni dell’ambiente familiare o esterno....

Denti da latte: istruzioni per l’uso

È compito dei genitori insegnare le corrette abitudini orali ai più piccoli. In particolare, è importante giocare d’anticipo e individuare sin dai primi mesi le...

Ciuccio, biberon e allattamento: pro e contro per la salute orale

La causa della malocclusione dentale dei bambini a volte non è di origine genetica, bensì è legata a tipiche abitudini, dette ''viziate, protratte a...