Salute della boccaDermatologia: quali segreti ci svela la bocca?

Dermatologia: quali segreti ci svela la bocca?

Osservando il cavo orale si possono scoprire sintomi di patologie non visibili all’esame della cute. Per questo la dermatologia trova un grande alleato nella prevenzione orale.

Perchè un controllo orale è importante anche in dermatologia?

L’osservazione della bocca dovrebbe essere parte integrante di qualsiasi visita dermatologica. Perché?

  • Un’attenta analisi del cavo orale può rivelarsi utile per l’identificazione di patologie dermatologiche che riproducono le stesse lesioni presenti sulla pelle, proprio nella bocca.
  • Nel cavo orale spesso si possono cogliere alcuni segni clinici tipici di malattie della mucosa o di altri quadri patologici di natura dermo-sifilo-patica che proprio sulla mucosa orale lasciano un segno.

Quali elementi confermano la correlazione tra prevenzione orale e dermatologia?

Uno studio condotto in India ha dimostrato che una periodica esplorazione della bocca è in grado di ridurre la mortalità associata al carcinoma squamocellulare della mucosa orale in una popolazione ad alto rischio.

La scoperta di questo studio ha contribuito a cambiare l’approccio al paziente. L’introduzione dell’esplorazione sistematica e routinaria del cavo orale ha così insegnato a riconoscere segni minimi di:

  • malattie sistemiche;
  • sindromi legate al malassorbimento;
  • deficit vitaminici;
  • infezioni come l’epatite C e l’HIV.

Quali malattie legate alla dermatologia possono essere identificate?

Alcune malattie infiammatorie croniche come ad esempio:

  • connettivopatie;
  • malattie bollose.

possono manifestarsi a livello del cavo orale, ed in tale sede:

  • ulcerazioni;
  • striature;
  • afte;
  • placche.

Possono rappresentare il segno clinico d’esordio di malattie infiammatorie caratterizzate da un decorso cronico recidivante a livello cutaneo o extracutaneo, come:

  • la psoriasi;
  • il lichen planus;
  • il pemfigo;
  • la malattia di Bechet;
  • il carcinoma squamocellulare.
  • la GVHD.

In queste patologie di interesse dermatologico ed internistico, il cavo orale rappresenta proprio il punto di partenza dell’espansione della malattia.

Per quanto riguarda i tumori è noto a tutti come il riconoscimento di carcinomi in situ possa influire sulla sopravvivenza soprattutto nel contesto di tumori aggressivi ed invasivi come quelli della mucosa orale. Una stretta collaborazione tra:

  • dermatologi;
  • odontoiatri;
  • gastroenterologi;
  • infettivologi;
  • otorino-laringoiatri.

Diventa quindi auspicabile al fine di gestire condizioni spesso “borderline” tra una disciplina e l’altra e di conseguenza di difficile inquadramento terapeutico.

Consulta il tuo dentista! La bocca diventa uno degli alleati migliori per prevenire e contrastare disturbi che spesso possono interessare l’intero organismo, impara ad ascoltarla!

Redazione di Sorridiamo
Redazione di Sorridiamo
Sorridiamo è un portale divulgativo di informazione al paziente sulle novità in campo odontoiatrico, sulla prevenzione e la salute orale, il benessere e il sorriso.

Leggi anche

Studio dentistico: sicurezza e sterilizzazione

Per preservare la nostra salute, una delle priorità dello studio dentistico è la messa a punto di precisi protocolli per il controllo dell’igiene e...

Pedodonzia: aiuta il tuo bambino a sconfiggere la paura

Il timore di molti bambini nei confronti della prima visita odontoiatrica non è innato, spesso infatti è influenzato dalle percezioni dell’ambiente familiare o esterno....

Denti da latte: istruzioni per l’uso

È compito dei genitori insegnare le corrette abitudini orali ai più piccoli. In particolare, è importante giocare d’anticipo e individuare sin dai primi mesi le...

Ciuccio, biberon e allattamento: pro e contro per la salute orale

La causa della malocclusione dentale dei bambini a volte non è di origine genetica, bensì è legata a tipiche abitudini, dette ''viziate, protratte a...