Sorriso dei bambiniMio figlio ha un dente rotto: cosa fare?

Mio figlio ha un dente rotto: cosa fare?

La frenesia tipica dei bambini può facilmente portare a cadute e contusioni, dalle quali potrebbe scaturire un trauma contusivo o un dente rotto. In questi casi è essenziale mantenere la calma: agitarsi non serve a nulla e rischierebbe di trasferire troppa ansia al bambino.

Come agire in caso di dente rotto?         

Le lesioni ai denti sono piuttosto comuni tra i piccoli, per questo occorre reagire con rapidità ma senza perdere il controllo della situazione.

  • Nel caso in cui la frattura al dente è così estesa da includere la radice, è necessario recarsi il prima possibile dal dentista, per mantenere alte le probabilità che il dente attecchisca.
  • Una rottura parziale che interessa esclusivamente la parte visibile, necessità comunque di un controllo. Questo per escludere eventuali danni alla radice che potrebbero aggravarsi in un secondo momento.
  • Qualora si verificasse la rottura di un unico frammento in un dente definitivo, è necessario un intervento per attaccarlo al moncone. Se questo frammento non può più essere integrato con la parte di dente rimasta, bisogna procedere ad una ricostruzione.

Cosa succede alla radice del dente rotto?

Nel caso in cui la rottura fosse totale e rimanesse solo la radice posizionata all’interno dell’osso mandibolare, il trattamento comune per i denti permanenti prevede la devitalizzazione. Una volta devitalizzato, il dente potrà essere ricostruito e coperto da una corona.

Invece, nel caso in cui il dente si fosse staccato del tutto senza residui, il dentista provvederà a riposizionarlo nella gengiva nel modo più rapido possibile. Il dente verrà fissato ai denti adiacenti e monitorato nei giorni successivi.

  • Se il riposizionamento viene effettuato entro i primi 30 minuti dalla frattura, le possibilità di successo della procedura sono molto elevate.
  • Se invece l’intervento avviene passati 60 minuti dall’incidente, le probabilità di successo diminuiscono al 60%, riducendosi significativamente se l’attesa supera i 90 minuti.

Come influisce la rottura di un dente sullo sviluppo della dentatura?

I tipi di frattura sono molto diversi a seconda della forza dell’impatto e della direzione della caduta, ma anche in base alla forma e alla struttura dei denti. Se questi traumi  colpiscono la dentatura decidua, possono incidere sullo sviluppo, sul colore e sull’eruzione dei denti definitivi. A differenza di quanto accade per la dentizione permanente, il dente da latte non viene fissato né ricollocato al suo posto.

Quali sono i rischi a seguito di un trauma dentale?

Uno dei principali problemi della perdita di un frammento dentale nella seconda dentizione è il rischio di un successivo spostamento di tutta la dentatura, soprattutto dei denti adiacenti che si muovono o migrano verso lo spazio lasciato libero. Questo accade perchè la bocca è composta da tessuti vivi che tendono a rigenerarsi.

Per evitare questi inconvenienti e l’eventualità di uno spostamento progressivo di tutta la dentatura, in seguito alla frattura è necessario salvaguardare anche provvisoriamente lo spazio in cui era collocato il dente avulso.

Redazione di Sorridiamo
Redazione di Sorridiamo
Sorridiamo è un portale divulgativo di informazione al paziente sulle novità in campo odontoiatrico, sulla prevenzione e la salute orale, il benessere e il sorriso.

Leggi anche

Studio dentistico: sicurezza e sterilizzazione

Per preservare la nostra salute, una delle priorità dello studio dentistico è la messa a punto di precisi protocolli per il controllo dell’igiene e...

Pedodonzia: aiuta il tuo bambino a sconfiggere la paura

Il timore di molti bambini nei confronti della prima visita odontoiatrica non è innato, spesso infatti è influenzato dalle percezioni dell’ambiente familiare o esterno....

Denti da latte: istruzioni per l’uso

È compito dei genitori insegnare le corrette abitudini orali ai più piccoli. In particolare, è importante giocare d’anticipo e individuare sin dai primi mesi le...

Ciuccio, biberon e allattamento: pro e contro per la salute orale

La causa della malocclusione dentale dei bambini a volte non è di origine genetica, bensì è legata a tipiche abitudini, dette ''viziate, protratte a...